[AskItaly] Andreste a vivere in una casa in cui è avvenuto un suicidio, se fosse perfetta sotto ogni altro punto di vista?

  1. E soprattuto, una casa di quel tipo costa il 40% del valore che avrebbe normalmente. Chi riesce a sopportare la strana sensazione ci guadagna da ogni punto di vista

  2. Non ho tutti questi problemi anzi credo che in molte più case di quanto si credi ci siano state delle "morti accidentali" come le hai chiamate.

  3. Ovviamente, si può trattare sul prezzo dell'immobile per colpa di quella macchia che ogni sera puliscono e la mattina è di nuovo lì.

  4. Avevo fatto tempo fa la stessa domanda. Vai tranquillo. Pensa che siamo qui su questa Terra da millenni e che sul suolo che stai calpestando saranno morte diverse persone :)

  5. Proprio così, ne sono certo. Mi interessava qualche opinione sulla questione, ma ho ottenuto principalmente risposte all'insegna del /s

  6. Se sei una persona molto impressionabile magari lascerei perdere. Ti potresti autoconvincere di sentire e/o vedere cose. Per quel che mi riguarda la prenderei senza problemi

  7. Certo, ha senso. Per questo mi riferivo a "una fervida immaginazione": qualcuno potrebbe iniziare a figurarsi il corpo del morto disteso sul pavimento del bagno, o il sangue dietro le pareti pittate di fresco... È proprio quel che intendevo.

  8. Ti rigiro la domanda: se non ti avessero avvertito precedentemente di quel suicidio, sei sicuro che avresti iniziato ad avvertire strane presenze? Se ti avvertiressero dopo 10 anni che vivi tranquillamente in quella casa, non pensi che probabilmente inizieresti proprio da quel momento in poi a percepire quegli strani fenomeni solo perché la tua mente si è lasciata suggestionare?

  9. Ma si, basta che non sia una casa maledetta o infestata da qualche presenza demoniaca /s ma si, al limite userei il fattaccio per trattare di più sul prezzo!

  10. Vivo in un piccolo condominio di due piani e di fronte alla mia palazzina ce n'é una identica. Nell'edificio parallelo al mio, precisamente nell'abitazione speculare alla mia, fino circa 5 anni fa abitava una coppia di signori anziani.

  11. Grazie per aver portato questa storia. Devo ammettere che, sì, è un buon affare – affare che io stesso farei, a patto di affittare ad altri l'appartamento in questione.

  12. Lo farei volentieri, ma purtroppo sono esperienze condivise con altre persone, le quali mi hanno supplicato di non condividerle con nessun altro.

  13. Oh, è una domanda delicata. Dipende da persona a persona. Se è la casa di famiglia da sempre e li sono morti tutti gli antenati non ci vedo nessun problema ne preoccupazione. Se invece c'è stata morte violenta allora no, non ci vivrei mai, neppure fosse perfetta (magari c'è rimasto qualcosa).

  14. Questo è esattamente il mio pensiero circa la questione. Pur volendo evitare di sfociare nel paranormale, che resta un terreno pericolo qui su Reddit, direi che è oggettivamente difficile vivere bene tra quattro mura bagnate dal sangue di una morte violenta. Anche nel caso di un suicidio, temerei di essere succube di quella stessa disperazione che ha portato il precedente inquilino all'insano gesto. Pertanto sì, la penso come te; e no, non vorrei vivere in una bella scena del crimine.

  15. Qualsiasi abitazione, nel momento in cui chi ci vive se ne va (morendo o cambiando casa), diventa un'altra abitazione. Cambiano suoni, odori, suppellettili etc.

  16. È molto vero quel che dici. Tuttavia, alle volte l'abitazione sembra rimanere "impegnata" dei presidenti inquilini; me la figuro come una spugna, che per anni (o decenni) si imbeve di emozioni e vissuto di certune persone, e poi continua a sprigionarli verso i nuovi inquilini. Sarà forse un'idealizzazione? Una visione eccessivamente romantica – o emotiva, comunque? Può darsi...

  17. In Italia non c'è, ma ho sentito che in America esiste una legge che impone ai venditori di comunicare agli acquirenti eventuali morti violente o per suicidio avvenute all'interno di un immobile, procurando quindi un suo deprezzamento.

  18. Morte naturale (di vecchiaia, nel sonno) e morte accidentale (sconquassarsi il cranio contro uno spigolo di cotto) sono cose ben diverse. Però posso comprendere cosa intendevi...

  19. Sì assolutamente, non credo in queste cose, e comunque in moltissime case é morto qualcuno, anche magari un anziano di vecchiaia, hai voglia a scartarle tutte.

  20. Ho comprato da un mio amico il letto in cui è morta sua nonna, è stato un'affare! L'ho usato per anni e poi l'ho rivenduto!

  21. penso che statisticamente è probabile che qualcosa o qualcuno sia comunque morto se non dentro, sotto casa mia ad un certo punto di qualche era geologica per cui non ci farei caso

  22. le "presenze" hanno una data di scadenza ? valgono alune morti e non altre per diventare fantasmi ? o è come l omopatia dove l 'acqua "ricorda" solo la molecole che vogliamo noi e non le altre milioni con cui è venuta a contatto ?

  23. Interessante la questione che sollevi, della "scadenza" delle presenze. Dal canto mio, più che di "scadenza", ne parlerei nei termini di persistenza; allora sì, ritengo ci siano persistenze. Però, oguno la pensa a modo proprio.

  24. Io ci abito da 6 anni. La padrona di casa si è buttata/è caduta dal balcone pochi anni prima che entrassi. Ps: lo abbiamo saputo dai vicini.

  25. Immagino che voglia risposte che non siano passivo-aggressive o supponenti. Vie di mezzo ce ne sono, si può anche essere semplicemente sensibili nei confronti dell'argomento o impressionabili.

  26. Già distinguendo tra "qualsiasi persona normale" (chi se ne frega) e "il classico pazzoide" (chi sente le presenze) hai lasciato emergere la tua posizione – piuttosto assolutista, ingiustamente. Tra i vari commenti troverai molte "vie di mezzo". E, a ogni modo, mi interessava solo leggere i diversi punti di vista.

  27. Il motivo per cui si benedicono le case a Pasqua è proprio quello di ripulirle periodicamente da eventuali "presenze" (anche se non includono una morte). In caso di "presenze" più serie, si chiama un buon esorcista.

  28. Grazie davvero per il tuo contributo. Da cinefilo, apprezzo anche i suggerimenti cinematografici (di cui ero già al corrente e che, francamente, non stimo come granché validi). A ogni modo, la questione è proprio delicata... e soggettiva.

  29. No, per carità, non sono un medium né un sensitivo. Mi riferivo, nella fattispecie, a contatti tangibili (misurabili fisicamente, per dirla in altri termini) con defunti.

  30. Comunque un buon motivo per sapere come é morto il precedente proprietario di casa esiste. Raccontava il mio prof di medicina legale che buona parte delle morti in rapida successione degli anziani (es quando si legge sui giornali "40anni di matrimonio muore lui, pochi giorni dopo lei muore di crepacuore") sono dovute in realtà a avvelenamenti da co2 o altre fonti presenti in casa, ma che sono rintracciabili solo in circostanze particolari. Citava il caso di una perdita nella canna fumaria del vicino che dava nell'appartamento di due anziani, ovviamente la co2 era rilevabile solo quando il vicino era in casa e accendeva il camino.

  31. Se a buon mercato per quel che mi riguarda potrebbe anche esserci avvenuto un genocidio. Se poi saltasse fuori che le presenze esistono davvero, i soldi e il prestigio che mi farei rendendo pubblica la scoperta ripagherebbero il costo della casa probabilmente di almeno un paio di ordini di grandezza, a quel punto se proprio la casa mi piacesse così tanto con tutti quei soldi potrei farmene costruire una identica centimetro per centimetro. Nel peggiore dei casi che poi è anche il caso ovvio le presenze non esisterebbero mi terrei la casa e sarei felice e contento

  32. Forse scendono di valore quelle di omicidi/casi famosi tipo Erba, Perugia e così via. Per cose minori probabilmente non lo saprai mai.

  33. Eh già.. Lo penso anch'io. La casa di Meredith Kercher è da tempo riabitata... E, tuttavia, la stanza di Meredith è sigillata. Direi che è indicativo dei compromessi dell'acquistare una ex-scena del crimine

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may have missed